Press "Enter" to skip to content

Mini guida all’avvio di un’attività e-commerce

Fronteggiare gli effetti della crisi occupazionale è oggi possibile, soprattutto per i giovani con delle buone idee nella testa.
Attualmente, grazie al progresso della tecnologia nel settore del mobile, il numero di persone che effettua i propri acquisti personali on-line è in crescita costante, a discapito dello shopping presso le sedi fisiche dei negozi. Questo significa che il commercio elettronico (e-commerce) si sta diffondendo in modo virale, favorendo la nascita di piccole start up in ambito e-commerce.

Secondo la stima degli esperti, per aprire un e-commerce sarebbero sufficienti meno di 10.000 euro e poco più di una settimana di lavoro. Proviamo a sintetizzare i passaggi necessari per l’apertura di un portale e-commerce.
Quando si intende aprire un e-commerce, la prima grande decisione da prendere riguarda il tipo di e-shop al quale si ambisce: vendere i propri prodotti su una piattaforma ospite, ad esempio Amazon e Ebay, oppure optare per l’apertura un proprio e-shop?
Nel caso foste orientati sulla seconda eventualità, ovvero quella di avviare un proprio e-commerce, esistono delle operazioni da svolgere per assicurarsi la riuscita del progetto.

L’individuazione del prodotto

La prima cosa da fare per scegliere il prodotto da vendere è una buona indagine di mercato riguardante il settore in cui si intende agire. Per l’attività di vendita elettronica, conoscere i limiti e le sfumature del business in questione è determinante per capire come opera la concorrenza e sapere in quale spazio strategico inserirsi. Occorre dunque svolgere le attività di indagine in modo approfondito, studiando i bilanci dei maggiori competitor in relazione al genere di prodotto che si intende vendere. Prendiamo in esempio un e-commerce di vendita di quadri: sarà determinante effettuare uno studio accurato per individuare i primi due competitor nel settore della vendita di quadri, studiare l’andamento delle due società e capire se può essere una buona idea investire in quel determinato segmento di mercato.

Adempimenti burocratici

A meno che non si tratti di una società con un profitto inferiore o pari ai 5.000 euro l’anno, sarà necessario costituire una vera e propria azienda presso uno studio notarile, per poi effettuare la registrazione della stessa alla Camera di Commercio, corrispondere il pagamento delle imposte previste ed aprire un conto corrente bancario a nome della società.

Logistica e tecnologia

Una volta risolte le pratiche burocratiche, sarà necessario dedicarsi alla logistica. A seconda del budget a disposizione, si avranno due opzioni: si può organizzare un magazzino per conto proprio, oppure si può affidare lo stoccaggio e la spedizione della merce ad una terza ditta (fornitore). Nel secondo caso, il venditore dovrà preoccuparsi solamente di inviare gli ordini al fornitore, che a sua volta si occuperà di imballare la merce e spedirla all’utente.
La parte relativa alla tecnologia riguarda la costruzione del negozio on-line, ovvero del sito e-commerce. Il sito web dovrà essere realizzato con un’interfaccia intuitiva e di semplice utilizzo, in modo da essere accessibile a tutti. Per tutte le caratteristiche strutturali del sito (grafica, layout, impostazioni di vendita ecc) si consiglia di rivolgersi alle apposite agenzie di vendita di servizi web, così da evitare le problematiche inerenti all’impostazione dell’e-shop e lasciare che siano dei professionisti ad occuparsene. Ricordate che ogni settore merceologico ha le sue regole di progettazione. Guardate ad esempio questo portale specializzato nella vendita di quadri e potrete farvi un’idea delle caratteristiche di un e-commerce di successo che si occupa d’arte, uno dei prodotti più ardui da vendere!
Infine, bisognerà occuparsi dei collegamenti tra l’e-commerce e le altre strutture ausiliarie, tra cui gli istituti bancari per le transazioni di acquisto con carta di credito.

Pubblicità on-line

Una volta completato il sito e-commerce con un catalogo ben accessoriato, contenente le fotografie, i prezzi e le caratteristiche tecniche dei prodotti in vendita, è molto importante iniziare a fidelizzare la clientela, attraverso delle strategie di web marketing. I metodi più utilizzati attualmente sono: le attività SEO per favorire la crescita del sito sui motori di ricerca, il coinvolgimento dei social network e la pubblicità on-line tramite i banner pubblicitari sugli altri siti web.

Infine, come in ogni professione, il successo deriva dalle competenze di coloro che gestiscono le attività e che devono possedere dei requisiti adatti a questo tipo di mestiere. Prima di aprire un’attività di e-commerce è dunque fondamentale fare un’autovalutazione delle proprie capacità e di quelle degli altri membri della squadra, giacché la riuscita di un progetto imprenditoriale dipende proprio dal talento di chi ne prende parte.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mission News Theme by Compete Themes.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi